Ago
6

Yari Gugliucci – Il Marlon Brando Italiano

Di Paolo Braghetto – Vpocketmagazine

“Il Marlon Brando italiano”! Così l’autorevole rivista tedesca Berliner Kourier ha definito Yari Gugliucci, classe 1974, un attore italiano di talento che sta lavorando molto in America a contatto anche con i grandi divi di Hollywood. Ha appena recitato a New York nel ruolo di un poliziotto italoamericano nel film tedesco “Antonio im wunderland” che verrà presentato al Festival di Berlino l’anno prossimo ma la novità più grande è che interpreterà il ruolo di un giovane boss mafioso in “Give the night”, titolo provvisorio di un film sul proibizionismo diretto da Ben Affleck e prodotto da Leonardo Di Caprio. Abbiamo incontrato in eslcusiva il volto salernitano di molte fortunate serie tv come Cuore contro cuore, Caruso, Rodolfo Valentino e Furore alla recente Mostra del Cinema al Lido di Venezia.

yari-gugliucci-082016-1

Come è stato il suo ritorno in Laguna?
La prima volta che venni qui era nel 1996 con il mio primo film fuori concorso “Isotta”. Quest’anno è decisamente diverso: mi sono goduto il red carpet insieme al regista Terry Gilliam con cui spero di poter collaborare vista la sintonia che si è creata tra di noi. E poi tra molti incontri di lavoro ho potuto passare del tempo con dei grandi amici come Claudia Gerini e Giancarlo Giannini.

Vicino a lei è stata notata la costante presenza di Lina Wertmuller…
Avendo recitato con lei nei suoi film “Ferdinando e Carolina” e “Francesca e Nunziata” ho deciso, dato il nostro bellissimo rapporto, di coinvolgerla in un mio mediometraggio girato on the road nei nostri viaggi tra Capri, Ischia, Venezia in cui parliamo della nostra vita.

Oltre che sul grande schermo si esibisce anche in teatro?
Sarò sui palcoscenici di Milano, Roma, Napoli, Firenze e Palermo con l’Opera da Tre Soldi di Brecht per accompagnare in veste di narratore il Conservatorio Martucci della mia città natale.

Lei in America è anche conosciuto per un libro che ha scritto.
Sono laureato in sociologia e ho anche preso la specialistica in filosofia. Potendo restare in America grazie a una Green Card ho creato il personaggio di Billy Sacramento, un italiano che vive a Los Angeles con uno stile alla Charles Bukowski. Nel romanzo, disponibile sia in italiano che in inglese, mostro come si fa a finire facilmente in galera o a conquistare velocemente una donna e a farsi mollare in altrettanto poco tempo. Lo presento in forma molto teatrale e sto tenendo anche dei masterclass all’Università su tematiche di natura sociologica.

Come vede il cinema a stelle e strisce?
Sempre più legato al profitto e alla logica commerciale. Tirano molto gli action movie con effetti speciali come le saghe dei supereroi della Marvel.

E il cinema che piace a lei com’è?
Per fortuna sono arrivato al punto di poter rifiutare anche i copioni che non mi vanno a genio. A me interessa raccontare delle storie e uno dei miei sogni sarebbe fare un film su Totò in cui io impersono Antonio De Curtis.

Con chi le piacerebbe lavorare?
Con i fratelli Cohen e Benedict Cumberbatch.

Cosa fa nel tempo libero?
Sono tifoso di calcio e seguo Salernitana e Juve. Amo collezionare film e libri antichi perché anche se stiamo vivendo una rivoluzione digitale bisogna conservare il legame con le cose belle del passato. Dalla fine dello scorso anno supporto “Never give up”, un’associazione no profit per lo studio e la cura dei disturbi del comportamento alimentare.

È fidanzato?
Single, in cerca di donna veneta. Secondo me sono le più belle…

È attivo online?
Molto a livello social. Ho due profili con il mio nome su Facebook dato che uno era completo, e poi c’è quello Twitter. Per chi vuole sapere tutto su di me c’è il sito www.billysacramento.com

Lascia un commento